Vai ai contenuti

Napoli e gli egizi

Offerte di Viaggio a Sharm - Il tuo Viaggio a Sharm e nel Mar rosso
Pubblicato da Viaggio a Sharm in Proposte di viaggio · 30 Settembre 2020
Tags: EgittoinItaliapropostediviaggioVisiteGuidate
Non tutti sanno che la città di Neapolis strinse contatti con le più antiche civiltà della storia, perfino con quella egizia. Napoletani ed Egizi hanno in effetti, tantissimo in comune.

Molte sono le cose che la città della Magna Grecia prende in prestito da quella sorta sulle sponde del Nilo.

Vediamone insieme alcune :
Due culture simili
La cultura partenopea e quella egizia condividono tra loro moltissime usanze e filosofie che, seppur molto diverse e lontane tra loro, trovano il modo di mettere in comunicazione due mondi radicalmente differenti.

Durante il I secolo a. C. approdarono a Napoli moltissimi mercanti egizi, i quali – oltre a spezie, stoffe e oro – portarono in città anche credenze e riti nuovi.

Si può pertanto ipotizzare che la grande civiltà della Valle di Nilo, sia arrivata ad influenzare anche quella partenopea. Ma quali sono le cose che rendono Napoli simile all’Egitto?

Le usanze ereditate dall’Egitto
Il contatto con l’aldilà è al centro della cultura egizia, tanto da condizionare la legge, la politica e la vita stessa. Anche Napoli ha lo stesso acceso interesse per la vita ultraterrena: il rapporto con i defunti è infatti sempre molto curato e ha dato vita ad alcune delle più interessanti leggende, novelle e componimenti della letteratura partenopea (ne è un esempio La livella di Totò).

Gli Egizi avevano anche loro cura dei loro defunti: le loro pratiche più significative ruotano attorno alla credenza che bisognasse preparare i morti al loro prossimo e ascetico passaggio.

La mummificazione è, ad esempio, una pratica che ha una lieve somiglianza con la scolatura dei corpi. Era infatti usanza antica del popolo napoletano lasciare il corpo esanime dei defunti su una particolare seduta, chiamata lo scolatoio: l’operazione aveva l’intento di lasciar scivolare via il liquame della putrefazione.

Gli egizi nell’iconografia napoletana
Molti sono anche i riferimenti che si possono trovare all’interno dell’iconografia napoletana. La Madonna raffigurata nelle chiese assume infatti spesso le stesse pose della Dea Iside, il più delle volte riprodotta con in braccio il piccolo Horus.

La Madonna nell’antico Egitto
Gli Egizi erano soliti venerare le stelle e per questo si è ipotizzato nel tempo che la Dea Iside fosse nata dall’ammirazione per la Costellazione della Vergine. Questa dea incarnava l’ideale perfetto di moglie e di madre ed entrava in rappresentanza del simbolo della purezza. Horus, il figlio, nasceva il 25 dicembre ed era detto ‘Dio Sole’. Per questa ragione è lecito pensare che la Dea Iside abbia dato inizio alla venerazione della Vergine Immacolata.

Queste e molte altre somiglianze , la storia degli egizi a Napoliè possibile scoprirla nella sezione Egizia del Museo Archeologico di Napoli nela quale si organizzano visite guidate di circa 2 ore con Guide autorizzate ed esperte.

GLI EGIZI A NAPOLI

Tour di 2 ore
Scoprirai  la cultura Egizia a Napoli. La sezione egizia, il tempio di Iside e il culto di Isis lactans.
Dopo una visita guidata alle sezioni del Museo Archeologico riguardanti il culto degli egizi, procederemo verso la zona del Nilo, abitata dagli Alessandrini tra il II e il III secolo d.C.
Furono loro a erigere quello che oggi è noto come "Il corpo di Napoli" e che ha assunto un significato profondo nella cultura partenopea.
TOUR

Disponibile anche come "tour per bambini".



Torna ai contenuti